Caricamento in corso.....

Trame di vita fra Arte e Arteterapia sulle tracce di Maria Lai a Ulassai

Tessendo la tela Penelope controllava le “relazioni pericolose” dei proci, guastando quanto prodotto e ritornando al filo originario, favoriva l’attesa del ritorno di Ulisse...

19 maggio 2018 ore 10:00
Ulassai »
http://www.ogliastraeventi24.it/public/folders/100/20585-foto_del_profilo_personale.jpg

Gianfranco Ghironi

star star star Reporter Gold

577 eventi pubblicati

Ogni religione stabilisce legami. L'arte scioglie legami. Maria Lai Un filo può essere tessuto e intrecciato in trame e infiniti orditi. Può essere colorato, annodato o slegato, aggrovigliato, tirato, tagliato.

Tessendo la tela, Penelope controllava le “relazioni pericolose” dei proci, guastando quanto prodotto e ritornando al filo originario, favoriva l’attesa del ritorno di Ulisse. La nostra esistenza è caratterizzata da un “filo conduttore”, dal cordone ombelicale che ci lega alla madre in poi, dei luoghi e delle relazioni che vengono tessuti.




Simbolo di riti, memorie, separazioni, ricongiungimenti, allacciamenti e promesse. Ma questo allacciamento così come è stata disposto, può essere tolto. Non a caso la mitologia classica indicava la morte attraverso il taglio simbolico del filo vitale che tiene in vita ogni essere umano o Sansone perdeva la propria forza col taglio dei propri capelli. Analogamente perdere il filo del discorso vuol dire smarrire la parola.

Il filo dell’aquilone può essere tagliato nelle battaglie aeree, il filo del palloncino può sfuggire alla mano del bimbo ed acquisire la sua temporanea libertà.

Filu de deu o filindeu è l’antica e rara pasta sarda che ormai solo rare cuoche sanno preparare La nostra esistenza perciò, può essere ripensata attraverso gli intrecci delle nostre conoscenze, la nostra capacità di tessere relazioni, nella definizione di sempre nuove storie e nuovi paesaggi; perché la narrazione è una rete di pensieri, di ricordi e di vuoti che cattura la nostra attenzione. L’ arte ci concede di uscire da noi stessi, permettendoci comunque di meglio conoscere la nostra identità.

L’arte insieme ad altri ci consente pure di osservare ciò che un altro vede: un universo diverso dal nostro e i cui scenari ci rimarrebbero altrimenti ignoti come il lato in ombra della luna.
L’opera di Maria Lai sarà il filo conduttore delle nostre riflessioni e delle nostre immagini; partendo da Ulassai, il suo paese d’origine, dallo scenario unico della Valle del Pardu e dei Tacchi dell’ Ogliastra.

Faremo una visita guidata alla Stazione dell’ Arte e lavoreremo a contatto delle sue opere dislocate sul territorio comunale. Ci nutriremo di quel paesaggio, ritrovando in esso qualcosa di riconoscibile dentro di noi. Questa giornata diverrà l’occasione per trovare un luogo, un tempo e uno spazio dove potersi ascoltare e potersi connettere, dove riscoprire i propri legami: non a caso Maria Lai ha chiamato la sua performance più famosa “legarsi alla montagna”.

La giornata è riservata alle iscritte alla Scuola Triennale di Arteterapia di Sassari-Assisi e aperta ad altre iscrizioni, per un numero massimo di 22 partecipanti. Non sono richieste competenze di carattere artistico. Sabato 19 maggio 2018

Programma:
ore 10: ritrovo ad Ulassai Accoglienza, presentazione delle attività e passeggiata “nelle” opere di Maria Lai
Ore 11: visita guidata alla Stazione dell’arte.
Ore 13 pausa pranzo
Ore 14,30: visita guidata al centro tessile
Ore 15,30: Laboratorio espressivo polimaterico
Ore 18: Feedback, conclusioni e saluti

Nel seminario si proporranno varie esperienze ad integrazione verbale e non verbale con uso di materiali artistici, esperienze corporee e narrative. L’attività sarà prevalentemente operativa e si raccomanda, pertanto, l’uso di abiti comodi.

E’ richiesto un contributo di 35 euro, comprensivo, di materiale artistico, conduzione del laboratorio, visita guidata, materiale didattico, organizzazione e gestione dell’evento dalle ore 10 alle ore 19.
Sono previste riduzioni per iscrizioni multiple Il laboratorio sarà condotto da Carlo Coppelli, docente di discipline plastiche, arteterapeuta e formatore.

Per informazioni ed iscrizioni telefonare ai seguenti numeri: 3402227616 (Carlo); 3282861179 (Gianna); 3333414844 (Stefania), o inviare mail a: carlo.coppelli@gmail.com , gianna.delogu@libero.it , stefaniarena1@tiscali.it A richiesta verrà rilasciato attestato di partecipazione. Testo e immagine rilevati dal web

ORGANIZZAZIONE

Scuola Triennale di Arteterapia Sassari

Sito internet: https://www.facebook.com/ScuolaTriennalediArteterapiaSassari/

Email: formazione@cittadella.org

Telefoni: 3402227616

Tags

#Eventi

Metti in evidenza il tuo Evento

Metti in evidenaza il tuo evento e raggiungi migliaia di utenti. Scopri le offerte a te riservate.

Offerte per gli eventi

Metti in evidenza la tua Impresa

Hai una azienda? Noi possiamo darti visibilità. Controlla le promozioni che ti abbiamo riservato. Clicca sul bottone qua sotto.

Offerte per le imprese

Contribuisci anche tu

Crea anche tu nuovi contenuti per SardegnaEventi24.it ed entra a far parte della community!

Segnala un evento

Scrivi un articolo

Diventa reporter

#Instagram

#Community

Classifica per eventi e articoli inseriti, visualizzazioni e condivisioni

I più popolari della settimana

Eventi visti: 13073
Notizie viste: 7789
Eventi visti: 7307
Notizie viste: 0
Eventi visti: 5926
Notizie viste: 172
Eventi visti: 4317
Notizie viste: 563
Eventi visti: 2644
Notizie viste: 8

I più attivi della settimana

Eventi inseriti: 13
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 7
Notizie inserite: 3
Eventi inseriti: 2
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 1
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 1
Notizie inserite: 0